Come recuperare i dati da una micro SD non leggibile: informazioni, consigli

Quante volte sarà capitato di utilizzare una micro SD e scoprire tristemente che essa non funziona più e peggio ancora non riesce più a leggere i dati salvati al suo interno? Sicuramente almeno una volta. Questo perché di base, le schede SD così come le micro SD, hanno una natura estremamente delicata e basta davvero poco per incappare in spiacevoli conflitti di lettura.

A tal proposito, a meno che non sia fisicamente danneggiata, quindi l’unica soluzione è mandarla in riparazione; il modo di recupera c’è e non è poi neanche così complicato. Basta avere i giusti mezzi ed un pizzico di pazienza.

Nel seguente articolo, spiegheremo brevemente come recuperare dei dati all’interno di una micro SD non leggibile. Quindi non perdiamo altro tempo e andiamo al nocciolo del discorso cercando di chiarire qualche punto.

Scheda micro SD non leggibile? Come fare per recuperare i dati? Ecco la soluzione più semplice

Quando sfortunatamente la nostra micro SD decide di non funzionare più correttamente, bisognerà provvedere al recupero dei dati al suo interno che, in base al contesto, potrebbero essere di assoluta importanza. Cosa occorre per fare questo? Ecco gli ingredienti:

  • Scheda micro SD incriminata.
  • Un pc.
  • Un programma o software specifico. 
  • Se necessario un lettore esterno per schede micro SD.

   

Come si può notare sono tutti oggetti che avremo di certo a portata di mano. La prima cosa che occorrerà fare è inserire la micro SD all’interno del lettore. Successivamente andrà scaricato un programma apposito per il recupero dei dati di schede di memoria. In rete se ne trovano a bizzeffe, ecco qualche esempio: Recuva, Disk Digger, Data Recovery Wizard ecc. Ma ne esistono di tantissimi altri e tutti comunque efficienti.

Una volta aperto il programma, sarà in grado di individuare la micro SD e in automatico, seguendo le indicazioni che mostrerà il programma, sarà sufficiente selezionare una cartella di destinazione dove riporre i file che andranno recuperati uno per uno. La scheda, terminato il processo, e quindi messo in sicurezza i dati, potrà essere formattata e quindi riportata allo stato di fabbrica. Questa è la soluzione più drastica ma anche più efficace per cercarne di recuperare l’uso.

Conclusioni.

Insomma, il processo di recupero è facile, veloce e soprattutto molto intuitivo. Il consiglio, è comunque di non salvare eccessivi file all’interno di una singola micro SD. Il rischio, per l’appunto, è quello di perdere una quantità di dati abnorme e anche il recupero, di conseguenza, necessiterà anche di più tempo.

Siciliana laureata in Discipline dello Spettacolo e Comunicazione alla facoltà di Pisa. Appassionata di arte, musica e scrittura. Mi occupo di scenografia cinematografica e nel tempo libero scrivo romanzi in self publiscing. Mi diletto anche nella musica e nella pittura.

“La vita non sarebbe niente senza un pizzico di arte”

Back to top
menu
actioncameraeaccessori.it